Toscana

Diceva un capo livornese, un capo vero “…nel percorso di vita di un rover e di una scolta  l’esperienza di Lourdes ci deve essere! (A.F.)”

Vogliamo essere compagni di strada delle comunità R/S che scelgono di vivere l’esperienza del pellegrinaggio.

Il pellegrinaggio è esperienza rover per eccellenza:

  • esperienza di strada: lasciamo la sicurezza delle nostre case per provarci in un cammino nuovo, sconosciuto che mi interroga profondamente;
  • esperienza di comunità: viaggeremo con altri, incontreremo persone le più diverse che vivranno con noi giornate intense e condivideranno con noi passioni ed emozioni, speranze e preghiere, lacrime;
  • esperienza di servizio: quello che noi faremo agli altri diventando occhi di chi non vede, mani di chi non le ha più e gambe di chi è in difficoltà ma soprattutto oggetto di servizio per le preghiere che verranno spese per noi da quanti riconosceranno nelle nostre mani, nei nostri piedi e nei nostri occhi l’amore di Maria.

Per questo siamo disponibili ad essere vicini a tutti quelli che decidono di provarsi nell’esperienza di Lourdes, alle

Comunità R/S che scelgono di mettere nel loro progetto questo cammino.

In questa ottica ci riteniamo da sempre al servizio della branca R/S, dei suoi capi e dei ragazzi per essere compagni distrada  e di esperienza.

Utilizzando la preghiera di un’altra associazione diciamo “sia aperta la nostra via a quanti ne comprendono la bellezza e Maria fa che siamo tutti a cospetto di Dio e del mondo buoni operai”.

In questi anni abbiamo “inventato” insieme all’Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati Lourdes e Santuari Internazionali) l’esperienza del treno dei bambini.

E’ una settimana di gioia e servizio che da più di dieci anni proponiamo a clan di formazione e capi, è un modo per mettere al servizio di altri le tecniche di animazione tipiche dello scoutismo, è il nostro modo per rispondere “Eccomi sono pronto a servire!”